Gli inconvenienti dell’ispirazione

Ad uno scrittore venne in mente una storia eccezionale per un libro. La storia era talmente avvicente e vera che vedeva già il suo successo a grandi titoli nei giornali letterari e nei libri di saggistica. Così si mise al lavoro senza risparmiarsi. La storia si era talmente impossessata di lui che non riusciva a staccarsi dalla macchina da scrivere. In preda all’ispirazione il suo viso cominciò a trasfigurarsi. Non si sentiva quasi più un essere mortale. Era come uno che fosse stato abbagliato da una luce fortissima. Per paura che quella ispirazione svanisse di colpo come era arrivata decise di evitare qualunque possibile disturbo e si ritirò così in una vecchia villa in montagna. Nel fervore della composizione artistica si dimenticò di tutto e perse la cognizione del tempo, dei giorni che si inseguivano, delle stagioni che passavano. Non si accorse nemmeno che le sue mani diventavano via via più deboli e tremanti.

Finalmente quando mise la parola fine sull’ultima pagina cercò di alzarsi dalla sedia a rotelle che usava anche per dormire il poco sonno che si concedeva. Ma cadde a terra sfinito: il cuore non era più abituato a simili sforzi.

Quando lo trovarono non riuscirono a spiegarsi la ragione di tutti quei fogli bianchi e vuoti: alcuni accartocciati, altri sparsi dappertutto. Venne però trovato un pacco, vicino alla scrivania, in cui i fogli erano grafettati in piccoli fascicoli e accuratamente riposti in pila gli uni sugli altri. Tutti i fogli sembravano essere passati nel rullo della macchina da scrivere ma mentre i primi erano leggibili mano a mano l’inchiostro trascolorava si poteva a malapena riconoscere alcune parole fino a che, negli ultimi, erano appena visibili le impressioni dei tasti senza inchiostro.

Scoperchiata la macchina da scrivere ci si accorse infatti che il rullo inchiostrato era completamente consunto.

Annunci

Informazioni su Carlo Congia

Si potrebbe dire molto di me, ma occorrerebbe farlo con parole inutili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...