Torno subito

Ho un ufficietto ai bordi del cielo
a volte, nello sconforto
lo chiamo scantinato,
ma è pura convenienza
chè dagli scantinati di rado
le stelle fan capolino,
io vedo invece l’intero firmamento.
 
La mia prosa commerciale si corrompe
ogni tanto delle frasi che i grilli
con bordello esacerbato
fanno in questa… sono indeciso
se dirla tundra o semplice deserto.
 
Infatti raro è il cliente
che passi di qui. Vivo d’incognite:
qualche angelo disperso
di tanto in tanto
che rimetto in carreggiata
additandogli con garbo
la direzione del paradiso.
 
In vero non so se esista per davvero
una simile chimera
ma pare brutto non ci fosse.
 
Il mio ufficietto, nelle sere d’estate
si trasforma in un lussuoso palazzo
e io gioco ad “i fantasmi”
(con grande spavento degli astanti)
oppure a perdermi tra le infinite stanze
tra impolverati specchi grido
qualche nome a caso
(così, tanto per dimostrare
ancora la mia esistenza).
 
Grido proprio sull’orlo del tramonto
.
Annunci

Informazioni su Carlo Congia

Si potrebbe dire molto di me, ma occorrerebbe farlo con parole inutili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...