Paesaggi

Qui da noi quasi sempre la notte

crolla in accordi di ferro

fin dove è possibile udire.

 

Gli uccelli traforano d’urla

e ricami ciò che resta del vespro.

Sulla bocca un’arsura,

inguaribile,

Una innata fame di luce

 

Rovina l’autunno nei campi

lucenti fili ragnati di pioggia:

autunno interiore,

clessidra incrinata

che vomita sabbia

sul canterano, un mucchietto

di grani,

ha già formato

un massiccio inviolabile.

Annunci

Informazioni su Carlo Congia

Si potrebbe dire molto di me, ma occorrerebbe farlo con parole inutili.

3 thoughts on “Paesaggi

  1. sara ha detto:

    bella bella bella

    Mi piace

  2. mistral ha detto:

    Qui da me tutto è luce assopita.
    Vicino al mio mare guardo una vela lontana.
    Il cielo mi invita a sognare.

    Buon pomeriggio
    Mistral

    Ps
    Concordo con Sara
    Davvero bella

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...