Nella pietà che ricoprisse i volti

Nella pietà che ricoprisse i volti
appena attesi
nella certezza ricolma degli arrivi
inutili ma cari
proprio perché inventati
 
Se alto troppo non fosse il culmine
a cui tendono i nostri occhi
e ci piagassero le carni
ai piedi per tanto andare
di sassi si riempisse l’ansia
la ribellione
l’esofago del mondo.
 
Noi (ma è un noi che è pena dire)
con tenere promesse spingono
vele verso lontani lidi
 
Ma più da presso quando il vento
ai suoi velari muti a noi rendesse
un grammo
un differenziale pezzo del trascorso
avrebbe forse maggior senso?
Annunci

Informazioni su Carlo Congia

Si potrebbe dire molto di me, ma occorrerebbe farlo con parole inutili.

One thought on “Nella pietà che ricoprisse i volti

  1. mukele ha detto:

    Reblogged this on AIRONI DI CARTA.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...