Relazione tecnica

 
Di quanto il tempo a noi volse le spalle
non so dirti ormai
Ora che apre portali il buio
qui dove il sonno
è diventato attesa, qui
dove non germoglia grano o luce
o stento riso non fruttifica
ed ovunque è ansia
d’autunnali mosche
 
Dall’alto dei palazzi luci
livide inzuccherate degli schermi
una notte che tossisce lenta
copre le strade vomitando
lontani guaiti di sirene
 
Dove si è rintanata l’eleganza
delle tue ciglia sconosciute
quando guardavi nelle stelle
che mai ti riguardarono?
 
Averti e dormire finalmente
come se tutto
fosse nell’alta culla dei destini
molle intestino
soffice figlio che prega
.
Annunci

Informazioni su Carlo Congia

Si potrebbe dire molto di me, ma occorrerebbe farlo con parole inutili.

One thought on “Relazione tecnica

  1. alessiagenesis ha detto:

    CANTO OSTINATO con una strofa in più

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...