Versi recuperati.

Quanta dolcezza quanta

persuasione

ora che li inseguono silenzi

d’anni

hanno ora i tuoi occhi

Ora che qui

in un buio marginale

dove trafora

insistente il canto

di sirene elettriche

in una città imprendibile

di ragnatele

immobile

sogno di ricordare

il colore dei tuoi occhi

la curva

e il caldo odore dei tuoi sogni

.

Tutta la notte

ho disegnato

gli occhi che avevi

e le dita mi dolevano

tanto che appena sveglio

nelle mani

era rimasta appena

una parvenza d’inchiostro

.

Annunci

Informazioni su Carlo Congia

Si potrebbe dire molto di me, ma occorrerebbe farlo con parole inutili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...