Il monumento

.

Ma chi è quell’ombra,

ferma al centro della piazza?

 

Lunga, ossuta,

confitta come una antica stele

mentre, indisturbati, i bambini

continuano a tessere giochi

attorno a lei, quasi non fosse

che un nostro orribile miraggio?

 

E cosa mai significa il gesto

che compie verso noi,

quasi a consigliarci di zittire?

 

Da sempre sta lì, immobile.

Antico monumento alla nostra dannazione,

memento al tempo che perdiamo,

mausoleo al niente

che ci farcisce e che lenti costruiamo

con le nostre ridicole paure.


 .

Annunci

Informazioni su Carlo Congia

Si potrebbe dire molto di me, ma occorrerebbe farlo con parole inutili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...