Ulisse parte da Itaca

Illuminate stelle apparvero
da un passato lieve
mute, incantevoli sorelle
si aprirono ridendo
e ci promisero
per il mare enorme, nero
dolce speranza e gloria
negli occhi misero
il miele del ritorno.
E noi lì sotto come scemi
gli occhi fissi alle vele
guidammo sulla schiena
orrenda dell’oceano
inutili cieche zanzare
noiosa e vana pena al dio
e già la nostalgia
cullava dolce il cuore
mentre Itaca spariva
dietro i flutti.
Nel cavo dell’udito ancora
il tenero rumore
dei grilli fra le stoppie
vennero le stelle
parlandoci dei caldi
abbandonati letti
e lente mani sui telai.
Poi gli dei sparsero
per gli ampi campi del cielo
un gregge nero
vomitando nuvole
e cupo divenne il cuore
cupo si fece il mondo
.
Annunci

Informazioni su Carlo Congia

Si potrebbe dire molto di me, ma occorrerebbe farlo con parole inutili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...