Di uno strano pescatore

BannaMoriapesci2012lug5pesci

Alla fine del molo

Con un gesto lento

Butto a mare i giorni

Come pesci già pescati.

 

Appena toccano l’acqua

Hanno un leggero guizzo

Ma subito si voltano

E stanno a pancia all’aria.

In agonia boccheggiano

.

#

Annunci

Informazioni su Carlo Congia

Si potrebbe dire molto di me, ma occorrerebbe farlo con parole inutili.

6 thoughts on “Di uno strano pescatore

  1. abdensarly ha detto:

    molto bella. Ciao.

    Mi piace

  2. poetella ha detto:

    davvero vale sempre la pena di passare di qui…
    Sempre.

    Mi piace

  3. alessia genesis ha detto:

    Non è mai troppo tardi ..il blog è infinito e ogni volta trovo versi nuovi e sorprendenti.:)

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...