Partita doppia

Image

Foto : Paola Congia

Io allora ero un coniglio di burro di ferro
quando passeggiando mi tenevi il braccio
e leggera mi parlavi come se al mondo
non bastassero le notti, le parole.
 
Allora ti chiedevo mi chiedevi sorridendo
“E’ forse così dolce il tuo respiro?”
Era una estate di promesse delusioni
acquasantiera di cristallo.
 
Salire per strade per dune di sabbia soffocando
Gridare “Aiuto, Aiuto!” al mare
che dormiva muto sordo cieco.
 
Poi vene qualcosa d’improvviso come un sasso
rotolando.
Era l’estate che finiva
iniziava il lento carnevale dell’autunno.
.
Annunci

Informazioni su Carlo Congia

Si potrebbe dire molto di me, ma occorrerebbe farlo con parole inutili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...