Abbagli

Image

Mi hanno offerto la presidenza
Dell’Allegria honoris causa
Credo che sia il più grosso granchio
Che si potesse prendere. Una giuria
Composta di grilli e nubi di tramonto
Chiassava sui bordi di un palchetto
Listato in oro. Con uno strano
Sorriso sopra i denti tenevo
Il discorso di ringraziamento
Come mi avessero
Macinato ossa, trippe e cervelletto.
 
Dal loggione si alzò qualcuno
Con sguardo e ginocchia da vecchio
Mostrandomi col dito
Scuoteva la testa. Mi bastò
Un breve inchino ufficiale
Verso la platea basita
Per lasciarmi dietro la porta
Un rumore di lampadari crollati
Di sospiri delusi
Di splendide donne impellicciate
.
Annunci

Informazioni su Carlo Congia

Si potrebbe dire molto di me, ma occorrerebbe farlo con parole inutili.

One thought on “Abbagli

  1. […] breve racconto di un’anima ingiallita, di gabbie e di desideri di volo proiettati altrove; Abbagli, che definirei come “allegria amara”;  e Di uno strano viaggiatore perché mi ha […]

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...