SMS ROMANTICI

Nell’infinito dei tuoi occhi, si rispecchiano i miei pieni di emozioni e sensazioni nuove che guardano i tuoi come specchi che si riflettono l’un l’altro e mi fanno capire che nella nostra vita… ci vorrà molto Vetrìl.

Amore mi manchi tanto. La mia vita senza te è inutile, il mio cuore ormai è in tuo possesso. Hai la chiave di tutto me stesso! Se dovessi perderla, sappi che ho fatto un duplicato. L’ho nascosta sotto lo zerbino dell’ingresso. Ciao!

Amore mio nè il vento nè la pioggia nè il sole potranno mai intaccare il nostro amore o potranno fermarci o separarci…
Al limite la pattuglia della stradale che mi ha appena fermato per guida con cellulare.

 

I RACCONTI INQUIETANTI E DEL MISTERO: IL SOSIA

C’era una volta un uomo che era il sosia allucinante di Beppe Severgnini. “Ebbè?” – direte voi, miei piccoli lettori – Il fatto strano è che quest’uomo non si limitava ad essere una copia perfetta del grande giornalista. NO! Quell’uomo ERA proprio Beppe Severgnini. E non sto qui a dirvi i fastidi che questa cosa gli procurava nella vita di tutti i giorni. Per esempio se girava per la strada non era rara la volta che qualcuno lo additasse o addirittura arrivasse a chiamarlo per nome. L’uomo non ce la faceva più. Era seccante essere insieme un uomo qualunque e nel contempo anche Beppe Severgnini. La sua vita era insomma un inferno.