Le metafore sottili – 3

Così sei in macchina, e guidi in mezzo al deserto più deserto. E fuori c’è un sole che spacca le pietre e le palle. Un deserto in cui anche i pochi spini riarsi stanno a domandarsi che errore hanno compiuto nella vita precedente.
E d’improvviso vedi uno che arranca per la strada, talmente carico di bagagli che la faccia quasi sfiora l’asfalto. E sei preso dalla compassione e ti fermi, lo fai salire in macchina, accendi l’aria condizionata e gli offri da bere. Come ringraziamento il tizio comincia, per nulla intimidito, a dirti:
“Ma che cazzo di macchina usi? Ma ti sembra una macchina la tua? E cos’è quest’acqua? non è neanche di marca. Per tacere del modo in cui sei vestito e del fatto che guidi come un coglione. Vogliamo poi parlare della strada che stai facendo? Non stai andando nella direzione mia! Che palle…”

Annunci

Informazioni su Carlo Congia

Si potrebbe dire molto di me, ma occorrerebbe farlo con parole inutili.

One thought on “Le metafore sottili – 3

  1. tramedipensieri ha detto:

    …e quanti ce ne sono….

    Liked by 1 persona

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...