Al gran ballo

Nessuno ci chiese se era nostro interesse
partecipare a questo insulso balletto dell’essere
di cui non capiamo la musica e ignoriamo
gli assurdi passi di danza, i volti, le luci
i gesti che è legge seguire se si vuole
appartenervi davvero considerarsi
parte del mondo brillante che lo riempie.
Siamo quaggiù come dei balordi mugnai
intrufolatisi per chissà quale trama contorta
in un palazzo dove splendide dame
irraggiungibili ed altre, ridono
il braccio nudo appoggiato deliziosamente
sulla spalla del proprio compagno di ballo
hanno un sorriso che è scherno
alla nostra bocca spalancata dallo stupore.

Annunci

Informazioni su Carlo Congia

Si potrebbe dire molto di me, ma occorrerebbe farlo con parole inutili.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...